[Lugge] Re: proposta di corso e "linea guida"

  • From: "Marco PARODI" <parodimarco@xxxxxxxxxxx>
  • To: <lugge@xxxxxxxxxxxxx>
  • Date: Sat, 27 Sep 2003 18:50:53 +0200

Ciao a tutti,

mi inserisco nella discussione dopo aver letto i molti messaggi pervenuti in
lista.

Non entro e non voglio entrare nella discussione tutta vostra (vostra, in
quanto esperti)
su Slackwave vs MDK ecc. ecc.

Posso solo portare la mia esperienza di formatore nella scuola superiore;
per pura
curiosistà e per chi ha voglia di leggerlo, vi inserisco il link dove potete
scaricare
il programma dedicato alla formazione di comptenze tecnologche rivolto a 1
docente
per ogni scuola. http://monfortic.invalsi.it/normativa/percorso_c.pdf

Il percorso C2 (14 moduli) rivolto ad amministratori di rete dovrebbe essere
svolto (sic!)
in 84 ore in presenza e (doppio sic!) altre 84 in autoformazione.
Il materiale messo a disposizione sono due tomi ben nutriti.

A mio avviso balza agli occhi una mancanza di aderenza alla realta'
*quotidiana* delle
scuole italiane fatto salvo i rari casi di eccelenza.

Scusate se mi dilungo ma questo preambolo mi serve per inquadrare la
problematica.

Secondo esempio: ai formatori di questi corsi un importante Ente genovese ha
rivolto
un mini corso di formazione che tratta gli argomenti riportai in calce a
questo messaggio;
i primi tre incontri si sono svolti e il formatore, lezione firewall, giunto
sul posto con un bel portatile con su
vmwarez ha fatto "vedere" con videoproiettore iptables
Vi lascio immaginare la gioia di vedere su grande schermo una schermata DOS
con i comandi battuti
piu' o meno velocemente e il sentire dire: "vedete, ora i pacchetti passano,
ora no".

Su cablaggio e routing abbiamo visto tutto lo scibile umano, in termine di
presentazione, e poi ci è stato consigliato
un bel volume dove potete vedere le configurazione con ben tre router ecc.
ecc.

Ora vengo alla questione:
- quando mai in una scuola ci saranno tre router?
- quando mai un ISP commerciale (90% presenza nelle scuole) ti lascia
smanettare sul router?
- come potrai creare un firewall, se non hai veramente a disposizione una
situazione concreta? (PC con due schede almeno?)


Tutto cio' per dire che l'obiettivo, rispetto al target e' completamente
sbagliato.

Allora, mi trovo ad essere concorde con la linea data da Roberto Foglietta e
per quanto riguarda
l'uso di una verisone desktop e per quanto riguarda le preoccupazioni sulla
tempistica, ma ancor più
sul reale apprendimento di chi segue il corso.

Mi sia permesso ancora un inciso: tra l'altro una cosa è essere bravi
sistenisti-tecnici-guru-esperti, altra cosa
è saper trasmettere le nozioni, gli apprendimenti, ovverso essere un bravo
docente.

Quindi mi metto nei panni di chi vuole avvicinarsi a linux, magari
proveniente dal mondo della scuola dove regna incontrastato Windows.

Come posso convincere il mio dirigente a installare un laboratorio Linux  e
risparmiare 5.000 - 10.000 euro?
Facendo in modo che i docenti possano usare le stazioni in modo "indolore",
e questo sarà possibile solo con
interfaccia grafica, connettendosi ad internet come prima, usando per quanto
possibile le stesse funzionalità (non funzioni)
alle quali questo target è abituato.

Qui i puristi storceranno il naso ma questa è la realtà. Allora o si vuole
incidere sul sistema, sistema-scuola e sistema-paese o
 ci si ritira su posizioni di principio e si continuerà a dibattere per i
prossimi anni della differenza delle licenze GNU, GPL, free ecc. ecc.
buttate giù a caso.

Per poter far avvicinare "le masse", passatemi questo termine
marxista-lenista, a Linux occorre la bici con le rotelle.

Nulla vieta di fare anche dei corsi sulla Sicurezza e quanto altro, anche di
elevata complessità, dove gli utenti
che di volta in volta vorranno togleire le rotelle, potranno partecipare, ma
in modo "consapevole".
Avere una platea, anche pagante, ma che esce con senso di frustrazione credo
non giovi a chi fa il corso (al prossimo, non vado)
 e men che mai a chi lo frequenta.

Mi scuso ancora per la prolissità, continuero' a leggervi con piacere.

marco parodi
---------


Corso rivolto ai formatori C2 - 3 ore per tematica -
- cablaggio
Panoramica sui principali tipi di cablaggio e su tutti i componenti
di una rete locale, inclusi apparati attivi.
Definizione degli standards ed esempi di realizzazioni.

- rounting e VPN
Principi di funzionamento di una rete di trasmissione dati, evidenziando
le funzioni dei vari componenti.
Descrizione del funzionamento di router e switch di livello 3, descrizione
dei principali protocolli di routing.

- Firewall
Introduzione ai Firewall
I principali tipi di Firewall
Regole di filtering
Implementazione di un Firewall sotto Linux.

- DNS e DHCP
Introduzione al DNS
Configurazione di un client (Windows e Linux)
Configurazione di named (Linux)
Introduzione al DHCP
Configurazione di un client DHCP (Windows)
Configurazione di un server DHCP (Linux)

- mail con antivirus e antispam
Introduzione al servizio di posta elettronica
Cos'e' un Virus
Cos'e' lo SPAM
Configurazione di un client di posta (Windows)
Configurazione di Sendmail (Linux)
Integrazione di antivirus e regole antispam in Sendmail

- web server
Funzionamento di un web server
Principali implementazioni (Apache, Microsoft IIS, Tomcat)
Sicurezza delle applicazioni web
Configurazione avanzata di Apache

-         proxy
Proxy e caching
Squid
Apache come proxy

- integrazione sistemi Windows/Linux
Active directory e LDAP
Windows Scripting Host
SAMBA
WebDAV

- sicurezza e crittografia
Principi di crittografia
Sistemi a chiave simmetrica e a chiave pubblica
PKI X.509
SSL e SSH
PGP e sistemi di posta



========---------- 
  
 Prima di scrivere in m-list per favore leggi il regolamento 
 http://www.lugge.net/soci/index.php?link=manifesto
 
 Archivio delle e-mail postate in lista 
 http://www.freelists.org/archives/lugge/ 
 
 Modifica dell'account sulla lista LUGGe 
 http://www.lugge.net/soci/index.php?link=manifesto.htm#list
 
  

Other related posts: