[zxspectrum] R: Floppies

  • From: "Simone Voltolini" <simone.voltolini@xxxxxx>
  • To: <zxspectrum@xxxxxxxxxxxxx>
  • Date: Wed, 30 Jul 2014 08:39:32 +0200

Come vi ho sempre detto ed ho letto online dipende moltissimo dal tipo di drive 
che probabilmente sollecitando la superficie risveglia il contenuto del floppy 
illeggibile.

Tali floppy se riformattati da qualsiasi drive 100 a 1 che ottengono zero bad 
sectors, proprio perché non hanno deterioramento di materiale magnetico ma 
perché per l’appunto vi è una piccola differenza da floppy drive ad altro a 
livello di taratura delle testine.


Farò in modo Max di farti avere il floppy drive che li ha generati (è il mio 
secondo drive x Speccy ma dovrebbe essere lui che ha fatto dal disco 30 in 
avanti).

 

Per altro molti online indicano proprio che sia la pulizia delle testine, che 
la pulizia della superficie del disco, e la taratura delle testine fa sì che vi 
siano dei notevoli giovamenti alle letture.

 

Comunque essendo stati fermi per 26 anni può darsi che si debba anche solo 
ricreare una sorta di mini campo magnetico…chi lo sa…nessuno poteva saperlo 3 
decenni fa ;)

 

 

 

 

 

 

 




 

Simone Voltolini
Via Cavour 1, 46030 San Giorgio di Mantova MN
Tel/Fax +39 0376 371059
voip: 0376 1855999 - P. IVA 02048930206
skype: ranma_simon

 

 

Da: zxspectrum-bounce@xxxxxxxxxxxxx [mailto:zxspectrum-bounce@xxxxxxxxxxxxx] 
Per conto di Massimo Raffaele
Inviato: mercoledì 30 luglio 2014 01:53
A: zxspectrum@xxxxxxxxxxxxx
Oggetto: [zxspectrum] Floppies

 

Ciao,

dato che ho appena recuperato un altro disco (e mezzo) per Simone, approfitto 
per condividere le mie esperienze e per chiedere cosa pensate degli strani 
fatti accaduti...

Mi scuso per l'esposizione non del tutto lineare ma il tutto è frutto di 
parecchie prove e ore di lavoro.

 

Come sapete Simone, alla fine delle sessioni di imaging dei suoi dischi 
Outsoft, mi aveva inviato 11 dischi; sono quelli più ostici, più "bastardi 
dentro".

Quando li ho ricevuti, ho iniziato il lavoro di recupero.

I primi due li ho recuperati subito, leggendoli sul mio PC di lavoro, P4 3KHz 
WinXP (evidentemente il cambio di drive ha portato benefici).
Ah, durante le mie prove ho accertato in modo definitivo che RealSpectrum (in 
modalità DOS pura e SENZA track caching) legge meglio di SAMdisk (in Windows 
2000+).

Di quei primi 2, il secondo all'inizio dava errori, ma rileggendolo più volte 
sono spariti (il famoso discorso dell'ossido che dovrebbe togliersi quando la 
testina ripassa più volte sulle tracce... va beh, diamolo per buono).

Per leggerne correttamente altri 2 ho dovuto ricorrere ad altri due PC, il 
portatile DELL PIII 1GHz WinXP e il portatile AST Pentium 133 Win98.

E siamo a 4.

Per gli altri sembrava non ci fosse verso. Ho quindi rispolverato dalla cantina 
il tower AMD K6 200MHz Win98, ma con il suo drive non ho ottenuto progressi. Ho 
allora dato fondo alla riserva di floppy drives (sempre dalla cantina):

SONY (HD)

EPSON (HD)

PANASONIC (DD)

CHINON (DD)

ALPS (HD)

e un altro SONY (HD).

Con questi, e con ripetute - infinite :( - sessioni di lettura con tutte le 
utilities possibili e immaginabili (MAKEMGT, SPECDISC, SAMdisk/Win, SAMDISK/DOS 
- vecchissima release, RealSpectrum), e con scambi di drives, fai l'immagine 
con ogni drive, paragona, copia pezzetti a destra e a manca, sono riuscito a 
recuperare altri 3 dischi in modo quasi totale: due hanno un solo settore 
difettoso, il terzo ne ha due. Più di così non sono riuscito.

E siamo a 7.

Oggi mi sono ricordato di avere altro materiale in uno dei box, e in effetti lo 
scatolone c'era... con dentro di tutto e di più (schede madri, processori, 
schede video ISA, VESA, PCI, memorie, ventole, hard disks, modems, cavi, 
alimentatori...) oh my god ma perché non butto via un po' di roba??????

Va beh. Nello scatolone c'erano anche ... 5 agognati floppy drives!

Nello specifico:

CANON MD5511-V6, è un doppio drive 3.5"HD + 5.25"HD in un unico spazio 5.25 
(ricordo costava parecchio, sulle 250.000 lire)

NEC (HD)

un altro NEC (HD)

SAMSUNG (HD)

ALPS (HD)

Ho collegato i drives al PC e ho cominciato un'altra lunga sessione di prove... 
ad un certo punto - miracolo, non me l'aspettavo! - il drive ALPS mi legge 
senza errori il disco 53. Ripresomi dallo shock, faccio la seconda immagine 
come da "prassi" e le confronto: identiche.

Evvai, 8 dischi recuperati su 11!

(dimenticavo: oggi ho anche sistemato il suddetto tower che le volte prima non 
mi permetteva di cambiare le impostazioni del BIOS. Ho preso il mano il 
saldatore, ho sostituito la batteria - che era saldata alla mainboard, roba da 
matti! - con un'altra che avevo, una CR2032. In questo modo sono finalmente 
riuscito ad impostare correttamente nel BIOS i due drives DD che ho, e ho 
riscontrato che effettivamente il Panasonic legge un po' meglio degli altri, 
che sono HD)

 

Mi dico: caspita, allora davvero dipende anche molto da drive a drive! Sugli 
altri il disco 53 dava un SACCO di errori (30-40 tracce su 80 disastrate).

Però continuava a sembrarmi strano che si trattasse di disallineamenti... le 
testine non si disallineano per sport. Certo, sicuramente alcuni drives leggono 
meglio i dischi "bastardi" perché sono più tolleranti/compatibili, può essere.

Comunque, qualche ora fa, preso da una curiosità, provo a rileggere il disco 53 
sul mio PC di lavoro, e la lettura riesce senza alcun errore!!!!

Come si spiega che un disco che prima non leggevo e che nessun altro drive 
leggeva, a parte quello ALPS provato oggi, all'improvviso si legge non solo 
sull'ALPS ma anche qui, sul mio PC di lavoro?

Allora non era (o non solo) questione di drive... è come se il disco avesse 
avuto bisogno di una risvegliata... (e qui ci sta ancora il discorso 
dell'ossido di cui sopra) ma perché non si è MAI risvegliato durante tutte le 
(moltissime) letture precedenti con gli altri drive e si è degnato di farlo 
solo oggi, con questo drive ALPS?

Le risposte che mi vengono in mente sono due:

1) era destino che si risvegliasse, e lo ha fatto ora (ma sarebbe strano: col 
drive precedente 40 tracce con errore e poi subito dopo con l'ALPS zero errori 
alla prima passata? Naaa, avrebbe dovuto darne qualche decina, poi meno, ecc.)

2) per qualche motivo la testina dell'ALPS è riuscita laddove le altre hanno 
fallito. Forse premeva di più sulla superficie magnetica, forse ha influito in 
qualche altro modo. Non so.

Sarei curioso di conoscere la vostra opinione :-).

Il prossimo passo che farò (ma a settembre), dato che ho esaurito i drives da 
provare (e 11 drives non mi paiono pochi) sarà di usare il metodo suggerito 
dall'amico di Simone e anche da Denis su EAB: aprire il disco, pulire la 
superficie magnetica con dell'alcool (usando uno di quei dischetti che le donne 
usano per struccarsi), asciugarla (con un altro dischetto, asciutto), rimontare 
il disco e provare. *Dovrebbe*/potrebbe funzionare, se è vera quella storia 
dell'ossidazione. D'altronde l'ho lasciata come ultima opzione, proprio perché 
non sono sicuro che sia indolore per la superficie dei dischi.

Se avete letto fin qui, vi ringrazio :-).

Max

JPEG image

Other related posts: