[zxspectrum] Re: Crowd Funding C-64

  • From: Luca Zabeo <vado@xxxxxxxxxx>
  • To: zxspectrum@xxxxxxxxxxxxx
  • Date: Thu, 16 Apr 2015 23:51:14 +0200

uhmm fatevi due conti sulla forza che ci vuole... e vi assicuro che sono
pezzi piccoli... ho visto stampi mooolto piu grandi :-)

_______________________________________________

I parametri identificativi delle presse sono:

- la forza di chiusura;
- il passaggio tra le colonne, ovvero la massima dimensione trasversale
dello stampo che può essere montato;
- la corsa di apertura del piano mobile;
- la distanza massima e minima alla quale i due piani della pressa si
possono "chiudere". Ciò incide sulla scelta della pressa in base alla
dimensione dello stampo: in una pressa 400-200mm si può alloggiare uno
stampo di 300mm, ma non uno più grande o più piccolo dei valori indicati;
- la capacità di plastificazione, ovvero la massima quantità di
materiale che può essere iniettato in ciascun ciclo, in cm³;
- i cicli "a vuoto" che la pressa può effettuare alla massima velocità,
senza produzione di prodotti.

Le pressioni <http://it.wikipedia.org/wiki/Pressione> sono dell'ordine di
qualche centinaio di bar
<http://it.wikipedia.org/wiki/Bar_(unit%C3%A0_di_misura)> e la forza (in
tonnellate <http://it.wikipedia.org/wiki/Tonnellata>) necessaria per tenere
chiusi gli stampi è ricavabile dalla seguente formula:
[image: F=\frac{P \cdot S}{1000}]

dove *P* è la pressione di iniezione in kg/cm² (per le unità di misura vedi
nota[1] <http://it.wikipedia.org/wiki/Stampaggio_a_iniezione#cite_note-1>)
ed *S* è la superficie dell'area frontale del pezzo da stampare (in cm²)
ortogonale al piano di iniezione. Solitamente questa formula dà una prima
approssimazione del tonnellaggio necessario per stampare ad iniezione un
prodotto; viene spesso aggiunto come moltiplicatore un fattore *C* che è
funzione dalla complessità del pezzo da produrre, del suo spessore medio,
della valutazione "estetica" o meno del particolare.

______________________________________________

Il giorno 16 aprile 2015 23:49, Massimo Raffaele <massimo.raffaele@xxxxxxxxx

ha scritto:

Il giorno 16 aprile 2015 23:45, Malantrucco Carlo <
carlo.malantrucco@xxxxxxxxx> ha scritto:


Il giorno 16/apr/2015, alle ore 22:45, Simone Voltolini <
simone.voltolini@xxxxxx> ha scritto:

D’altronde forse fu meglio così…il mio + 2 non si ruppe MAI in tante ma
tante ma tante ore di utilizzo…ed anni di lavoro (6): nessun Sinclair
originale durò mai così tanto.


Il Plus di Enrico funziona ancora dopo 30 anni sulla sua scrivania, non
si può dire che lo abbia usato poco ... ed è originale Sinclair.

Allora, come la mettiamo? ;-)


Simone era un duplicatore seriale, mentre Enrico no :-).

Max




--
LukeZab on the Web
"la pazzia, mio signore, regna su questa piazza e non v'e' luogo al mondo
ov'essa non risplenda"

Other related posts: