[Lugge] Un equilibrio ancora da trovare.

  • From: "Roberto A. F." <robang@xxxxxxxxx>
  • To: LUG lugge <LUGge@xxxxxxxxxxxxx>
  • Date: Tue, 19 Jun 2001 00:14:49 +0200

Ciao,

 voglio ritornare un attimo sulla discussione su: "rispondere si o no
alle banali richieste di assistenza ?"
 Voglio farlo ritornando indietro con la mente a quando anch'io ero un
newbie e avevo tanta voglia di imparare e nessuna capacità di
esprimermi/comunicare. Non per dare una morale ma per spiegare come,
quando e perchè ho fatto certe scelte che oggi a qualcuno sembrano
"difficili & dure", ma che in realtà sono puramente naturali sotto la
spinta della necessità.

 INTRODUZIONE

 Nel 1996/7 (mi pare) provai RH 4.0 con scarsi risultati, per me fu
impossibile far funzionare X e non trovai alcun aiuto presso coloro che
al tempo usavano Linux.
 Nel 1998, verso marzo provai la MDK 5.3 e ne rimasi piacevolemente
colpito.
 Perchè avevo provato Linux ?

 La RH 4.0 la provai per curiosità ma visto la refrattarietà del mondo
OpenSorce/FreeSoftware a dare aiuto ai newbie come me abbandonai presto.

 Ritornai più di una anno dopo sui miei passi spinto dall'esaurimento
dovuto alle instabilità di win32 (chi mi conosce sa che lo windowz lo
tiravo fino a sfondarlo) mi spinsero a cercare un'alternativa: o NT o
Linux.
 Avevo provato anche NT, circa al tempo della RH 4.0 ma pure con quello
avevo avuto scarsi risultati (mi ero perso la password di root e quindi
tutto il contenuto dell'HD, ahhh quanto ero giovane al tempo !)

 La MDK 5.3 fu per me una liberazione, me ne innamorai subito e decisi
che avrei abbandonato windows definitivamente.
 Nell'era glaciale fra DOS/win3.1 -> Win98 avevo perso ogni stima di me
come programatore (io programamvo in ASM/C a livelli notevoli già verso
i 18 anni dopo aver passato l'infanzia fra ZX Spectrum e i386) perchè
per me VisualBasic rappresentava un tool di sviluppo quanto mai
indecente e me ne rattristavo dandomene la colpa.
 Praticando Linux scoprii che ASM e C erano tutt'altro che scomparsi
(come invece la stampa specializzata faceva credere) e ad oggi faccio il
programamtore C/GTK+ di professione (part-time) con discreto piacere.

 Decisi quindi di fare un LUG con alcuni compagni di università (era il
giugno 1998) perchè credevo che imparare Linux in gruppo sarebbe stato
meraviglioso e divertente. Diciamo che è stata una delle più brutte
esperienze sociali che io mi ricordi.
 Insomma Linux me lo sono sorbito da solo (o meglio cercando un bagliore
di luce fra m-list straniere, quella della MDK per esempio e manuali)
per circa due anni e mezzo. Nessun aiuto a fronte di un Linux
primordiale se paragonato alla MDK 8.0 attuale (provate per credere la
MDK 5.3 ed immaginate cosa sia stato usarla al posto di win PRIMA che
chiunque vi avesse mai spiegato qualcosa di UNIX o di sistemi opertivi,
boot, partizioni e compagnia andante).


 LA SOSTANZA

 Intorno al Novembre 2000 intorno all'idea originale del giugno 1998 si
è andato costituendo un gruppo di persone interessate ad imparare Linux
e a costruire una comunità di mutuo soccorso. Queste persone ora sono i
fondatori del LUGGE.

 Perchè dopo aver attraversato tante difficoltà i fondatori del LUGGE
sono in prima fila a criticare coloro che pongono domande "acerbe" [1] e
persino chi risponde a tali domande ?
 I motivi sono molteplici:

 1 - la comunità iniziale era ad un livello mediamente più omogeneo (non
dico più alto, dico più omogeneo, cioè con esperenzie simili alle
spalle) quindi capirsi era più facile e le domande erano sempre
interssanti per tutti.

 2 - le difficoltà esterne erano tali che impedivano la dispersione
delle energie (e lo sono ancora ma questo non è percepito dalla base che
giustamente ha trovato statuto ed altri problemmi organizzativi risolti
o pressochè risolti) quindi si era INTOPIC per forza.

 3 - quasi sempre la m-list era un supporto provvisorio ad incontri
settimanali costanti (a cui non abbiamo perso l'abitudine, le nostre
cene a cui la partecipazione esterna è sempre stata mite [2], e i corsi
dimostrano questa volontà di frequentarci).

 4 - tuttii componenti il gruppo erano entro i loro limiti presenti e
partecipanti perciò rispondere ad una domanda era facile perchè si
sapeva, aldilà della descrizione rafazzonata a cosa ci si riferiva (oggi
di molti di voi non conosco l'HW ne la distro che fate girare).

 Ovviamente fondare un LUG e poi non fare corsi era un contro senso
quindi abbiamo deciso di lanciare questa iniziativa.
 La nostra comunità si è espansa velocemente (cosa che abbiamo
seriamente bloccato per evitare disastri) in maniera che per noi si è
rivelata difficile da gestire.


 LA CONCLUSIONE

 Il punto della situazione è semplice ma allo stesso tempo molto
impegnativo: abbiamo sempre limitato il nostro supporto a persone che
frequentavamo e da qui la nostra grande energia e la voglia di fare.
 Non siamo su questa lista per rispondere alle domande tecniche specie
se queste sono limitate a problemi specifici.
 Ci piacerebbe farlo perchè personalmente abbiamo cominciato in epoca in
cui i calci nel culo erano ENORMENTE frequenti e possenti.
 Ci piacerebbe dare quello che non abbiamo avuto noi però non abbiamo la
bacchetta magica per farlo, e rispondere ci costa fatica.

 Cosa possiamo fare altro o di migliore ?
 Penso che quanto possiamo fare di migliore sia continuare a fare quanto
abbiamo già fatto in passato:

 - creare occasioni di incontro: serate a cena o in birreria

 - creare occasioni di formazione: quali corsi, meeting ed install
fest/party

 - stimolare la discussione sulle opportunità offerte da Linux

 Sono convinto che tutto questo porterà alla crescita del nostro gruppo
LUG e molti di voi troveranno MOLTO più delle risposte che sono venuti
cercando. Però, e di questo me ne rammarico, una cosa diversa dal
passato dovremo farla: tenere presente che le persone che oggi
incontrano Linux non hanno e forse non avranno mai le nostre stesse
motivazioni.
 Per quanto sarà possibile verrò incontro alle esigenze di tutti,
rispondendo magari con link ad hoc alle domande specifiche ma so per
certo che domande poste per problemi personali, mal formulate al punto
tale da suonare generiche saranno sempre più frequenti.
 Per questo ho già provveduto a tempo debito a creare una lista di
coordinamento del LUGGE separata da quella pubblica e riservata ai soli
soci, in modo da poter godere di maggiore tranquilità.
 Il LUGGE si è sempre posto l'obbiettivo di dare un servizio a quelli
che avessero voluto imparare Linux.
 Il problema è forse intendersi sul significato di "imparare ad usare
linux" se questo voglia dire o meno riuscire a configurare la sk sonora
(giusto per ricadere nel solito esempio).

 L'INVITO

 Io invito coloro che domani avessero la tentazione di chiedere come
risolvere una configurazione a chiedere piuttosto un incontro (virtuale
IRQ, IRC, CHAT) fra tutti gli interessati a quella tipologia di problema
e il LUGGE entro le sue capacità sarà fiero di offrire luoghi virtuali
e/o reali per l'incontro.
 Facciamo della nostra ignoranza una scusa per imparare che ci sono
MOLTE più cose da imparare di quanto in realtà non ci sia necessario
sapere.


 NOTE A PIÈ PAGINA

 [1] o ritenute tali, a torto o a ragione.
 [2] motivo per cui le cene spesso si sono svolte in ambito privato:
"perchè dobbiamo andare al ristorante con tutti i difetti/costi che
questo ha per poi ritrovarci fra noi sette che potevamo trnquillamente
vederci a casa di uno di noi"

 La discussione è aperta a voi la parola,
--

  ,__    ,_     ,___    .-------=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-.
  ||_)   ||\    ||_    /     Proud Member & Master of the LUGGE    |
  || \   ||¯\   ||¯      linuxgrp: http://lugge.ziobudda.net       |
  ¯¯  ¯° ¯¯  ¯° ¯¯  °    homepage: http://digilander.iol.it/robang |
\ Roberto A. Foglietta   icq uin : 1087 18 257, E=s*aurimento²     |
 `---------------------=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-'

Contro la censura on-line firma la petizione:
 http://www.punto-informatico.it/petizione.asp

Art. 21. Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio
pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Art. 33. L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento.

                                Estratto della Costituzione italiana.



<========----------
 Prima di scrivere in m-list per favore leggi il regolamento
 http://lugge.ziobudda.net/benvenuto.html



Other related posts: