[Lugge] Re: Palladium: che ne pensate? (fwd)

  • From: Roberto A.Foglietta <fogliettar@xxxxxxxxxxxxxxxxxx>
  • To: lugge@xxxxxxxxxxxxx
  • Date: Tue, 16 Jul 2002 08:51:40 +0200

On Tue, 16 Jul 2002 08:32:12 +0200
Giuliano <BIPIEFFE@xxxxxxxx> wrote:

> Quello che intendo dire é che, se l'hw é una componente fondamentale per
> gestire la comunicazione, é la comunicazione stessa l'obbiettivo
> principale. Pertanto non taroccabile.

 La comunicazione il vero obbiettivo? Grande!
 L'oscuramento dell'attuale tecnologia porterebbe allo sviluppo di una nuova 
tecnologia, il fatto che esistesse la posta non ha impedito al telefono e alla 
radio di svilupparsi e diffondersi. Vero che rispetto alla lettera scritta tali 
tecnologie hanno dei ben precisi vantaggi ma anche se dovessimo fare un passo 
indietro non sarebbe poi quella gran catastrofe... quanti di noi vorrebbero 
tornare indietro per fare 'meglio' o in modo diverso le cose che hanno gia` 
fatto in passato? Anche nel peggiore dei casi, cioe` con l'affermazione di 
questa tecnologia, ci troveremmo in un matrix che non sara` facile accettare, 
poiche` non sara` facile accettare ci metteremo impegno a superare con 
alternative anche se nemmeno superarlo sara` un'impresa facile.


> Inoltre un cenno cronistico, per non dire storico.
> Memoria d'uomo (la mia) ricorda che l'impulso alla diffusione delle
> telecomunicazioni fu massimo proprio quando il know how era nelle mani
> di pochi e l'accesso ad esse veniva ristretto dagli stati nazionali, con
> normative rigidissime e sanzioni aspre.

 Appunto il concetto sopra, piu` e` difficile accettare una situazione piu` 
sara` facile ingegnarsi di andare oltre.


> In quel periodo prese piede un fenomeno sotterrraneo: la pirateria, che
> contribuì a dare know how a chiunque avesse la capacità di intendere e
> la volontà e l'interesse per applicarsi.

 Molto spesso quando un fenomeno o una tecnologia comincia la sua distribuzione 
alla massa c'e` un tentativo del legislatore di bloccarlo/controllarlo e quello 
del mercato di asservirlo al suo interesse (quando invece il legislatore 
avrebbe il compito di regolamentarlo in funzione della Res Pubblica, ma per 
farlo ci vogliono competenze e illuminazione).
 Mi vengono in mente, tanto per citare alcui esempi, le radio autogestite e le 
BBS casalinghe che in barba alle concessioni o alle restrizioni legislative 
hanno contribuito alla formazione di una cultura underground. Molti degli 
attori di quelle gesta sono rimasti intrappolati nella loro dimensione (il 
mezzo, la radio o la BBS, si e` sostituito al fine, la comunicazione) e 
cambiata tecnologia non hanno saputo evolversi altri invece hanno imparato a 
trovare un rapporto costruttivo con il presente e il legislatore.
 
 Con l'improbabile introduzione di Palladium e la sua ancor piu` improbabile 
diffusione si tornerebbe a dover scegliere se rinunciare al controllo 
individuale della tecnologia (e quindi del proprio potere politico e della 
propria valenza sociale) o tornare a costruire un mondo alternativo nella 
speranza che, come e` accaduto per il diritto d'autore con la GPL, qualcuno 
abbia un lampo di genio e sfrutti la medesima tecnologia e la medesima 
legislazione per garantire liberta` invece di garantire introiti.
 
 
> La conseguenza fu che, nel giro di pochi decenni, la comunicazione
> (senza il prefisso tele) divenne un must su scala planetaria, facendo
> fiorire l'industria, allora dell'elettronica.
> L'avvento del pc ha modificato lo scenario, ma gli attori sono sempre
> gli stessi nello spirito.
> Quando anni addietro lessi di FSF e GNU, recepii il senso di quello
> spirito degli anni della mia adolescenza (frase da documentario di bassa
> lega ...) ed abbracciai le tesi linuxiane, con lo stesso entusiasmo.
> Vorrà dire che, grazie a Palladium, si tornerà ad essere smanettoni
> anche nell'hw, come una volta.
> Le bancarelle ed i magazzini sono pieni di 386, paragonabili ai vecchi
> apparati surplus degli anni '50.
> Alla comunicazione si accederà anche con questi rottami. E la capacità,
> ove questa esista, si farà valere, creando un forking deciso, quello che
> é mancato in questi ultimi anni nei confronti della commercializzazione
> un po' becera e tipicamente americana, proposta da M$.

 Tu gongoli all'idea dell'introduzione di Palladium vero?
 Oggi molti smanettoni o hacker (diverso da cracker, vedi Jargon) sono spesso 
pigramente rilassati sul 'come faccio ad usare quel XXX programma' 
completamente rilassati senza una vera sfida e senza una vera necessita` 
perche` cmq per male che se ne parli dei formati proprietari di M$ noi tutti 
possiamo ancora leggerli con OpenOffice... cosa accadra` quando lo stesso WEB 
sara` crittografato a livello di chip/bus dentro al nostro nuovo PC-Palladium 
(dove non andrai oggi) ?


 Ciao,
-- 
   ,__    ,_     ,___   .-=--=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-.
   ||_)   ||\    ||_   /            GEA Automotive S.R.L.             |
   || \   ||¯\   ||¯       Software Research & Development Division   |
   ¯¯  ¯° ¯¯  ¯° ¯¯  °   tel.: +39 010 65966917                       |  
   Roberto A. Foglietta  com.: mailto:fogliettar@xxxxxxxxxxxxxxxxxx   |
 \ Linux & SW Architect  per.: http://digilander.iol.it/robang        |
  `-----------------------=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-'
<========----------
 
 Cena sociale di fine estate 2002, informazioni
 http://digilander.libero.it/robang/lugge/cena.htm

 Prima di scrivere in m-list per favore leggi il regolamento
 http://www.lugge.net/soci/manifesto.htm#list

 Archivio delle e-mail postate in lista
 http://www.freelists.org/archives/lugge/

----------========>
 
 Incontri in sede: martedì 15:00-18:00 e sabato 9:30-12.30
 -= Ultimo giorno in sede: 16 luglio, chiusura 17.00 =-
 

Other related posts: