[Lugge] Re: [Lugge] idea pazza per un progetto pazzo

  • From: "robang@xxxxxxxxx" <robang@xxxxxxxxx>
  • To: lugge@xxxxxxxxxxxxx
  • Date: Tue, 9 Jul 2002 15:04:39 +0200

ciao a tutti,

> L'idea sarebbe ancor più versatile e interessante se riuscissimo ad 
> estrapolarla dal contesto di un singolo servizio : sarebbe cioè 
> interessante studiare un protocollo di dialogo tra CASA - SRV - CLT in modo 
> che tramite questa hack si possano effettuare connessioni su qualunque 
> porta di CASA, a prescindere dal tipo di dati da trasportare (dovremmo cioè 
> lavorare a livello di trasporto, se le mie reminescenze di modelli ISO/OSI 
> non mi ingannano)
> 

 Questo problema è comune a tutti gli utenti che giacciono dietro ad un
proxy, ad esempio io dal lavoro non posso fare ftp o ssh ma solo http.
 Nel mio caso sarebbe bello che potendo connetermi in http al SRV questo
mi desse la possibilita' poi di uscire con SSH o FTP ovviamente
instradando il traffico su HTTP.

 Passi per FTP, ma SSH instradarlo su HTTP: 

 a) il client HHTP-SSH è fatto a posta per decriptare e quindi funziona
come un una shell sicura la cui unica caratteristica è viaggiare sulla
80 con dati in http

 b) la conessione ssh non è più criptata fra LAV e SRV e questo è
inaccettabile (al massimo si può avere un telnet)


> Linguaggio:
> l'unico che conosco decentemente è il python, anche se a naso direi che 
> questa è una idea da realizzare in C (che conosco molto poco).
> 

 Temo che riguardo al C tu abbia ragione, ma anche il C++ non andrebbe
malaccio.
 Nel tuo caso invece conviene che tu instauri fra SRV e CASA una
conessione stabile e respownata in SSH (lenta ma sicura) e poi SRV che
accetta i vari servizi li ridirige dentro alla SSH verso casa.
 

Roberto A. Foglietta
mailto:robang@xxxxxxxxx
http://digilander.iol.it/robang
http://www.lugge.net
ë?f??Ç+?÷«z)æ?+-¥êßjú+zW ?(¥­è(?©??Ú!¶Úÿ0?è 
zw­þÊ?ù??'Þ²Ú!¶ib²Ð+r¯??^?W??¨¥¦?-j×¢?X¬µ¨m¶?ÿÃ
­ç¥?Ël¢¸?j·!?÷¬þ[ ?ïÈ?Ê'¶¸¢?Ç?zf«µçuçM5óM±¦Ú¶?wÓ]·

Other related posts:

  • » [Lugge] Re: [Lugge] idea pazza per un progetto pazzo