[Lugge] Re: Kernel 2.4.3 e

  • From: "Roberto A. F." <robang@xxxxxxxxx>
  • To: lugge@xxxxxxxxxxxxx
  • Date: Sun, 22 Apr 2001 00:35:35 +0200

"overlay@xxxxxxxxx" wrote:

> Ciao vorrei sapere che differenza c'=E8 tra un * e M come modulo quando
> compilo il kernel?

<*> significa hce il modulo viene intergrato nel kernel.
<M> significa che il modulo viene compilato a parte

questo ha un vantaggio: quello di avere un kernel monolitico

e uno svantaggio: quello di occupare più memoria.

L'occupazione di memoria non è un problema sui computer attuali fatta
eccezione quando l'immagine del kernel supera la capicità della bios di
gestire l'immagine stessa al boot (per cui non boota).
Il fatto di avere dei moduli da caricare è una scocciatura: quando usi
partizione RaiserFS o in generale tipoA, specie se quella di /, allora
il supporto per questi tipi di partizioni devono stare <*> integrati
altrimenti non boot (a meno di non avere /boot in tipoB con tipoB <*>)
 Con MDK 7.x e immagino 8.0 accade che se si compila un kernel
integralmente monolitico allora ci si trova ad avere un sacco di problemi
essendo gli script init previsti per un kernel modulare.

 Però un kernel monolitico è auspicabile sul fronte sicurezza... infatti
il load di un mmodulo alteratocomprometterebbe l'intero sitema.
 Per ragioni di sicurezain taluni casi si elimina il supporto per il load
del moduli.

--

  ,__    ,_     ,___    .-------=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-.
  ||_)   ||\    ||_    /     Proud Member & Master of the LUGGE    |
  || \   ||¯\   ||¯      linuxgrp: http://lugge.ziobudda.net       |
  ¯¯  ¯° ¯¯  ¯° ¯¯  °    homepage: http://digilander.iol.it/robang |
\ Roberto A. Foglietta   icq uin : 1087 18 257                     |
 `----------------------=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-'

Contro la censura on-line firma la petizione:
 http://www.punto-informatico.it/petizione.asp

Art. 21. Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio
pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Art. 33. L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento.

                                Estratto della Costituzione italiana.




Other related posts: