[Lugge] Fw: Lettera del Professor Donald Knuth all'Ufficio Brevetti [USA]. Programming Freedom.N11.Feb95.

  • From: Roberto A.Foglietta <fogliettar@xxxxxxxxxxxxxxxxxx>
  • To: LUGGE MLIST <lugge@xxxxxxxxx>
  • Date: Tue, 22 Jul 2003 16:08:42 +0200


Begin forwarded message:

Date: Sun, 13 Jul 2003 21:39:59 +0200
From: Alessandro Vernassa <speleoalex@xxxxxxxxxxxxx>
To: robang@xxxxxxxxx
Subject: Lettera del Professor Donald Knuth all'Ufficio Brevetti [USA].
Programming Freedom.N11.Feb95.


Guarda cos'ho trovato cercando tutt'altro...
Chiara



-- 
  ,__    ,_     ,___   .-=--=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-.
  ||_)   ||\    ||_   /            GEA Automotive S.R.L.           |
  || \   ||¯\   ||¯       Software Research & Development Division |
  ¯¯  ¯° ¯¯  ¯° ¯¯  °   tel.: +39 010 65966917                     |  
  Roberto A. Foglietta  com.: mailto:fogliettar@xxxxxxxxxxxxxxxxxx |
\ Linux & SW Architect  per.: http://digilander.iol.it/robang      |
 `-----------------------=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-'
Title: Lettera del Professor Donald Knuth all'Ufficio Brevetti [USA]. Programming Freedom.N11.Feb95.

Programming Freedom - febbraio 1995 - numero 11

League for Programming Freedom
1 Kendall Square #143
P.O. Box 9171
Cambridge, MA 02139

Programming Freedom è il bollettino della League for Programming Freedom.
Ci visiti sul nostro sito web: http://lpf.ai.mit.edu.
Si incoraggia la riproduzione di Programming Freedom tramite ogni canale di comunicazione. Per riprodurre un articolo firmato, si contatti l'autore per averne il permesso.


Lettera del Professor Donald Knuth all'Ufficio Brevetti [USA]

Il Professor Donald Knuth dell'Università di Stanford è l'autorità assoluta in materia di algoritmi. Il suo capolavoro, The Art of Computer Programming, costituisce il più importante testo di riferimento sull'argomento. Knuth ha anche sviluppato il programma TeX per la stesura di testi di matematica ed è stato ideatore del concetto di literate programming. Prove del prestigio di Knuth sono le seguenti distinzioni:

National Medal of Science
Member, National Academy of Sciences
Member, National Academy of Engineering
Fellow, American Academy of Arts and Sciences
Turing Award, Association for Computing Machinery
18 Honorary Doctorates

Le prime quattro distinzioni costituiscono i più alti riconoscimenti per uno scienziato americano. La mancanza di un premio Nobel per le scienze informatiche è compensato dal Turing Award, che ha un prestigio altrettanto alto.

Con questi riconoscimenti, Knuth è probabilmente la persona più autorevole nel campo delle scienze informatiche. Adesso è anche socio della League for Programming Freedom.

Ecco sotto una lettera da lui inviata nel febbraio del 1994 al Commissario di Brevetti [USA] sulla questione dei brevetti software.

Commissioner of Patents and Trademarks
Box 4
Patent and Trademark Office
Washington, DC 20231

Gentile Commissario:

Assieme  a  molti altri informatici, vorrei chiederle di rivedere
la pratica corrente di emettere brevetti su processi computazionali.   
Trovo  una considerevole ansietà tra i membri della comunità 
informatica che ritiene che la decisione dei tribunali di brevetti e 
l'Ufficio Brevetti e Marchi stia rendendo la vita molto 
più difficile ai programmatori.

Nel periodo 1945-1980, si pensava che le leggi brevettuali non si
applicassero al software.  Nonostante ciò, pare che alcune
persone abbiano ottenuto brevetti per algoritmi  d'utilità
pratica--e.s.,  compressione  Lempel-Ziv  e crittografia a chiave
pubblica RSA--e  stanno  adesso  impedendo  legalmente  l'uso  di
questi algoritmi ad altri programmatori.

Questo è un grave cambiamento dalla politica precedente che 
permise la rivoluzione digitale; e temo che questo cambiamento  
sarà  dannoso alla società.  Ciò avrebbe sicuramente avuto 
un effetto negativo sul mio lavoro: per esempio, ho scritto un 
sistema software chiamato TeX che è utilizzato nella produzione di 
oltre il 90% di tutti i libri e periodici di matematica e fisica, 
e per la stesura di centinaia di migliaia di relazioni tecniche 
in tutti i campi delle scienze.  Se i brevetti software fossero stati
comuni  già  nel 1980, non avrei potuto creare tale sistema, né 
avrei mai pensato di farlo, né posso immaginare che qualcun'altro 
l'avrebbe fatto.

Mi  è  stato detto che i tribunali stanno tentando di distinguere 
tra algoritmi matematici e quelli non  matematici.   Per uno 
scienziato informatico questa distinzione non ha alcun senso, 
perché ogni algoritmo è matematico quanto potrebbe esserlo 
ogni  altra cosa.  Un algoritmo è un concetto astratto senza rapporto 
con le leggi fisiche dell'universo.

Né è possibile distinguere tra algoritmi numerici e quelli non 
numerici,  come se i numeri fossero in un certo qual modo diversi 
da altri tipi d'informazione.  Tutti i dati sono numeri e 
tutti i numeri sono dati.  I matematici lavorano molto più con 
entità simboliche piuttosto che con numeri.

Pertanto,  l'idea  di  varare leggi che distinguono fra algoritmi
matematici e non matematici mi sembra alquanto  assurda;  paragonabile  
alla  proposta  di  legge  novecentesca  dell'Indiana che
dichiarava che il rapporto della circonferenza di un cerchio e il
suo  diametro fosse pari a 3, e non approssimativamente a 3,1416.
È come quando la chiesa medievale affermava che  fosse  il
sole a ruotare attorno alla Terra.  Le leggi fatte dall'uomo possono  
essere  molto  utili,  ma  non  quando  contraddicono  verità 
fondamentali.

Il  Congresso ha saggiamente deciso, molto tempo fa, che gli enti
matematici non si possono  brevettare.   Sicuramente  nessuno  si
sarebbe  applicato  alla matematica se fosse stato necessario pagare 
un dazio ogni qualvolta si utilizzava il teorema di  Pitagora.  I 
fondamentali concetti algoritmici che si stanno brevettando adesso 
sono talmente essenziali che il risultato  minaccia  di essere  simile  
a  quello  che  accadrebbe se si consentisse agli scrittori di brevettare 
le singole parole e i concetti.   Romanzieri e giornalisti non potrebbero 
scrivere senza che i loro editori avessero il permesso dei detentori dei 
vocaboli.  Gli algoritmi  sono fondamentali per il software come lo sono 
le parole per gli scrittori, perché costituiscono le mattonelle con
cui si  costruiscono prodotti interessanti.  Cosa accadrebbe se
gli avvocati potessero brevettare i loro metodi di difesa o se  i
giudici  della  Corte  Suprema potessero brevettare le loro decisioni 
precedenti?

Mi rendo conto che i tribunali brevettuali fanno del loro  meglio
per servire la società quando formulano leggi brevettuali.
L'Ufficio Brevetti ha adempiuto questa missione in modo ammirevole, 
rispetto alle tecnologie riguardanti leggi concrete di fisica più 
che con i concetti astratti del pensiero.   Io  stesso possiedo  alcuni  
brevetti su apparechiature hardware.  Ma credo fermamente che la 
recente pratica di emettere brevetti  su algoritmi può beneficiare 
solo un piccolo numero di avvocati e inventori, mentre crea dei gravi 
problemi alla vasta maggioranza di persone che vogliono utilizzare i 
computer in modo proficuo.

Quando  penso ai programmi che utilizzo quotidianamente per lavorare, 
mi rendo conto che  nessuno  di  questi  esisterebbe  se  i brevetti  
sul  software  fossero stati comuni negli anni 60 e 70.  Cambiare le 
leggi adesso avrà  l'effetto  di  bloccare  il progresso  al  livello  
attuale.  Se le cose continuano in questo modo, l'unica via d'uscita per 
la  maggioranza  degli sviluppatori software  americani  di  talento  
sarà  quello di cambiare mestiere o di emigrare.  Gli Stati Uniti 
presto perderanno la loro posizione dominante.

La  prego  di fare il possibile per invertire questa tendenza allarmante.   
Ci sono modi  migliori di proteggere la proprietà  intellettuale  
degli  sviluppatori software invece di togliere loro il diritto di 
utilizzare le mattonelle fondamentali per costruire i loro prodotti.

Distinti saluti,
Donald E. Knuth
Professor Emeritus


http://lpf.ai.mit.edu

Other related posts:

  • » [Lugge] Fw: Lettera del Professor Donald Knuth all'Ufficio Brevetti [USA]. Programming Freedom.N11.Feb95.