[Lugge] Fw: Il libro "Un altro computer è possibile"

  • From: "Roberto A. F." <me@xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx>
  • To: lugge@xxxxxxxxx
  • Date: Tue, 24 Feb 2004 09:38:29 +0100


Begin forwarded message:

Date: Tue, 24 Feb 2004 00:21:20 +0100
From: Nonluoghi Libere Edizioni <stampa@xxxxxxxxxxxxxx>
To: info@xxxxxxxxx
Subject: Il libro "Un altro computer è possibile"


Salve, sono l'editore di Nonluoghi Libere Edizioni, che da poco ha dato 
alle stampe un libro a carattere divulgativo sul software libero scritto

da Mario Alexandro Santini, con prefazione di Fiorello Cortiana.

Spero di farvi cosa gradita comunicandovi che il volume, sul quale qui 
sotto trovate alcune informazioni, ora viene offerto ai Lug e alle 
associazioni affini con uno sconto del 40% per acquisti di almeno dieci 
copie, con spedizione contrassegno a nostro carico.

Invio questo messaggio solo agli indirizzi di contatto con i Lug 
pubblicati nelle rispettive home page.
Vi sarò pertanto grato se, anche nel caso non siate interessati 
all'offerta, vorrete far girare questo messaggio nei modi che riterrete 
opportuni.

La nostra piccola casa editrice utilizza per la produttività solo 
software libero su Linux (Mandrake e Suse), per i dettagli si veda la 
nota qui sotto.

Grazie dell'attenzione e cordiali saluti,

Zenone Sovilla

Tel. 0461858452


-------------

Mario Alexandro Santini, "Un altro computer è possibile. Il software
libero
e la rivoluzione della comunità aperta".
Prefazione di Fiorello Cortiana. p. 156, euro 12.50. ISBN 88-89099-00-3

Il volume contiene una nota dell'Editore, la prefazione del sen. 
Fiorello Cortiana (promotore della proposta di legge sull'adozione del 
free software nella pubblica amministrazione), una serie di capitoli nei

quali l'Autore presenta in forma narrativa, raccontando alcune storie di

vita quotidiana, i principali aspetti dell'argomento, un articolo di 
Richard Stallman che ripercorre le tappe principali dell'esperienza, il 
testo della legge presentata nel 2002 in Italia e una nota 
sull'evoluzione di tale iniziativa aggiornata a fine  novembre 2003.
Il libro si occupa della rivoluzione informatica permessa dal sistema 
"aperto" Gnu Linux e dei suoi riflessi sociali che riguardano tutti noi.
Il movimento del software libero contesta radicalmente il diffuso 
tentativo di imbrigliare, tra patenti, licenze e brevetti, persino la 
conoscenza di base necessaria per ogni progetto di crescita individuale 
e collettiva.
Si denuncia un paradigma di dominio oligarchico contrapponendovi 
relazioni collaborative.

Questo libro, che è rivolto a tutti e forse principalmente a chi ritiene

che l'informatica non lo riguardi, spiega in modo semplice alcuni 
processi in atto che minacciano i territori pubblici rappresentati dalla

condivisione della conoscenza di base.
Per rendere più immediata l'informazione, l'autore riccore spesso alla 
forma del dialogo per illustrare i punti principali della questione.
Nella nota dell'Editore che correda il volume, si legge tra l'altro che 
"il movimento del free software, con i suoi risultati e le sue 
ambizioni, è senz'altro uno dei più intelligenti e fruttuosi processi di

critica al sistema e di costruzione di un'alternativa concreta alle 
diffuse pratiche gerarchiche di dominio e di concentrazione del potere".

Nonluoghi Libere Edizioni è una piccola casa editrice con sede a 
Civezzano, che si caratterizza, tra l'altro, per la scelta di fondo di 
utilizzare per la produttività solo applicativi su piattaforma 
Gnu-Linux. Anche questo volume, dunque, come i dieci che l'hanno 
preceduto in questi 18 mesi di vita della casa editrice, è stato 
realizzato utilizzando per grafica e impaginazione solo programmi 
rilasciati con licenza pubblica Gpl su piattaforma Linux (in 
particolare, Scribus, OpenOffice, Gimp e Xpdf). La scelta informatica 
dell'Editore è indicata nell'ultima pagina di ogni volume.

Nella prefazione, Fiorello Cortiana scrive tra l'altro:
"La raccolta di storie contenuta in questo libro coglie differenti 
percorsi di persone simili a noi, che vivono in ambienti che ci sono 
familiari ed usano strumenti informatici come capita a noi. Attraverso 
diversi percorsi, attraverso diversi problemi, queste persone scoprono 
la questione della disponibilità della conoscenza, che fino ad allora 
avevano ignorato, dietro il click su un tasto o su uno schermo al fine 
di attivare un comando per la soluzione di una esigenza particolare. Le 
storie narrate ben descrivono il
prendere corpo di una consapevolezza individuale, premessa e preludio a 
una consapevolezza collettiva.

La conoscenza è un bene particolare, la sua natura è tale che piú essa 
viene scambiata meno si consuma ed, anzi, aumentano le probabilità di 
una sua crescita tanto quantitativa quanto qualitativa. Ora, se si vuole

applicare alla conoscenza e alle sue reti di produzione e di 
comunicazione, lo stesso modello produttivo di tipo agricolo od 
industriale, al fine di ricavarne le stesse modalità di consumo e di 
rendita, occorre creare delle condizioni di scarsità.
Queste sono condizioni che di per sé non si danno, per cui per via 
tecnologica (standard particolari proposti come universali) o per via di

convenzione o di norma (accordi Trips dell'Organizzazione mondiale del 
commercio, Wto, piuttosto che direttive e leggi parlamentari per la 
brevettazione del software) coloro che detengono le loro rendite di 
posizione, altrimenti minacciate dalla condivisione della conoscenza, da

tempo si sono attivati con le buone e con le cattive affinché si diano 
le condizioni di scarsità.

Conoscenza, comunicazione, informazione, partecipazione, costituiscono 
nuovi ambiti concettuali e pratici che non dipendono strettamente 
dall'essere centrali o periferici rispetto a condizioni economiche. 
Coloro che stanno
prendendo consapevolezza del diritto alla condivisione della conoscenza 
pongono e porranno sempre piú questioni e conflitti non riducibili a 
ragioni e a rappresentanze di classi sociali economicamente definite. 
Questo comporterà anche un cambiamento nelle forme e nella 
rappresentanza dei conflitti non riconducibile automaticamente ai 
tradizionali assi di distinzione destra-sinistra".
                                                                        
 
                                                                        
                 

___________


Per contatti, chiarimenti, interviste: tel. 0461858452; per altre
informazioni: www.nonluoghi.org.







-- 
   ,__    ,_     ,___   .-------=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-.
   ||_)   ||\    ||_   /        Oh Capitano, Oh mio Capitano       |
   || \   ||¯\   ||¯     linuxgrp: http://www.lugge.net            |
   ¯¯  ¯° ¯¯  ¯° ¯¯  °   homepage: http://roberto.foglietta.name   |
\  Roberto A. Foglietta  reg num : #219348 by the Linux Counter    |
 `---------------------=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-'
========----------

 Prima di scrivere in m-list per favore leggi il regolamento
 http://www.lugge.net/soci/index.php?link=manifesto

 Archivio delle e-mail postate in lista
 http://www.freelists.org/archives/lugge/

 Modifica dell'account sulla lista LUGGe
 http://www.lugge.net/soci/index.php?link=manifesto.htm#list


Other related posts: