[Lugge] Re: Cosa ne pensate?

  • From: Andrea De Gaetano <dega1999@xxxxxxxxx>
  • To: lugge@xxxxxxxxxxxxx
  • Date: Tue, 1 Nov 2005 23:17:08 +0100 (CET)

--- nomed <komplikazione@xxxxxxxx> ha scritto: 

> On Thu, 27 Oct 2005 10:40:31 +0200
> "gianlu]{a" <theblackangel@xxxxxxxx> wrote:
> 
> > Non ho tempo di rispondere al foglietta magari lo
> faccio in notturna sotto
> > effetto di alcool e caffè... ;)
> > A kompilazione dico solo : BRAVO HAI VINTO UNA
> PRESENTAZIONE PER IL LD!
> > 
> 
> temo non mi sara' possibile, pero' saro' felice di
> passare il testimone a chi ne avra' voglia.
> 
> eventualmente posso anche portare una copia della
> pre-release, durante una delle riunioni.
>
rilancio :D
venire a parlarcene un martedi'?
ciauz

 
> probabilmente ci saranno cose che vedrete in un
> futuro in live come morphix e kanotix :)
> 
> fatemi sapere.
> 
> 
> > 
> > -----Original Message-----
> > From: lugge-bounce@xxxxxxxxxxxxx
> [mailto:lugge-bounce@xxxxxxxxxxxxx] On
> > Behalf Of Roberto A. Foglietta
> > Sent: Thursday, October 27, 2005 9:58 AM
> > To: lugge@xxxxxxxxx
> > Subject: [Lugge] Re: Cosa ne pensate?
> > 
> > nomed ha scritto:
> > > Ciao a tutti,
> > > 
> > 
> >   dal subject: Cosa ne pensate?
> > 
> >   Un discorso più generale che DSS. Io
> personalmente non ho mai avuto una
> > passione per Debian, anzi. Ho sempre pensato che
> il progetto debian fosse
> > molto ambizioso, a volte anche troppo a mio
> parere. Il mio dubbio è sempre
> > stato se un progetto del genere avrebbe potuto
> essere proseguito in maniera
> > sostenibile o se sarebbe invariabilmente rimasto
> indietro rispetto ad altre
> > distro, cosa che se mi permettete è successo per
> un sacco di tempo. Un'altra
> > componente di Debian che non mi è mai piaciuta è
> il fatto che fosse fatta
> > per utenti esperti e gli altri RTFM.
> > 
> >   Knoppix dimostrò per prima che si poteva trarre
> degli ottimi prodotti da
> > Debian, ma ancora Knoppix era il frutto/idea di
> una persona più che di una
> > comunità. Perciò non ha modificato il mio giudizio
> su debian di un
> > millimetro, in quanto Knopper avrebbe benissimmo
> potuto usare una qualsiasi
> > altra distribuzione, alcune si sarebbero prestate
> di più altre di meno ma
> > non era una prerogativa di debian essere alla base
> di Knoppix. In ciò che
> > veramente era rivoluzionaria knoppix era la
> velocità di boot/load e la sua
> > usabilità, cioè rendeva le LIVE realmente qualcosa
> di usabile, anche se le
> > live esistevano ben prima di knoppix.
> > 
> >   Poi arrivò Ubuntu che invece portava con se
> alcune cose non trascurabili:
> > 
> >   - fondi, quindi uomini e mezzi
> >   - usabilità anche per l'utente base
> >   - filosofia compatibile con debian
> >   - piano di rilascio compatibile business
> > 
> >   In questo caso la prerogativa di debian di
> essere alla base di Ubuntu era
> > determinante in quanto iniziare una nuova distro
> da zero non faceva senso e
> > usare una basata su RPM significava comunque
> cercare un distacco e nello
> > stesso tempo una compatibilità con quelle
> esistenti. Distacco per dare agli
> > utenti qualcosa di preferibile e nello stesso
> tempo compatibilità per dar
> > loro la possibilità di usare tutti i sw in RPM.
> >   RedHat aveva generato Mandrake e poi Fedora
> Core, Mandrake aveva dato vita
> > ad altre distro quali PClinuxOS e poi in qualche
> maniera ispirato Lindows.
> > SuSE e Slackware fanno religione a se.
> >   Prima di Ubuntu anche Debian faceva religione a
> se, per questo il mondo
> > PMI e enterprise guardavano alle distribuzioni
> RPM.
> > 
> >   Non era scontato che Ubuntu accadesse e non è
> neppure possibile fare la
> > storia con i "ma se Ubuntu non fosse accaduta...".
> Io penso che Ubuntu abbia
> > dato un senso pratico a Debian così come il kernel
> linux ha dato un senso
> > pratico al progetto GNU. Il fatto che una
> filosofia sia illuminata e che
> > trovi anche molti consensi è una cosa, una
> questione culturale, il fatto
> > invece che quella filosofia porti anche a dei
> risultati pratici è un'altra.
> > 
> >   Ubuntu shown up to us that Debian is here, and
> it is here to stay.
> > 
> >   Ripeto, dal mio punto di vista non era così
> scontato perchè le filosofie e
> > in generale la cultura è soggetta a cambiamenti
> profondi anche nell'arco di
> > una generazione mentre i fatti, al di là di tutte
> le interpretazioni diverse
> > che se ne possono dare, i fatti sono cocciuti ed è
> molto, molto, molto
> > difficile ignorarli.
> > 
> >   Distribuite 100 copie di Ubuntu e 100 copie di
> Debian 3.1 a due campioni
> > omogenei fra loro. Valutate poi la percentuale di
> ritorni positivi cioè di
> > quelli che l'hanno adottata. Un abisso a favore di
> Ubuntu, ovviamente.
> > 
> >   Se nel paragrafo sopra s/Ubuntu/DSS/ e
> s/Debian/Knoppix/ dovessimo
> > rilevare lo stesso abisso non potrei che esserne
> felice, significherebbe
> > solo che un prodotto migliore ha preso vita e si è
> manifestato.
> > 
> >   N.B.: il mio discorso non si basa sull'ipotesi
> che un prodotto più diffuso
> > è un prodotto migliore altrimenti crederei che
> Windows sia il migliore
> > prodotto mai sviluppato. Il mio discorso di basa
> invece su una diversa
> > premessa che un prodotto migliore ha una capacità
> di penetrazione superiore
> > ad altri, persino a quelli generalmente
> utilizzati. Esempio pratico:
> > 
> >   passare dal sistema operativo W a quello Z mi
> costa $$, due motivi per NON
> > fare il passaggio:
> > 
> >   - NON ho $$ per fare il passaggio
> >   - Z NON garantisce il recupero dell'investimento
> $$ 
> > 
> > 
> >   Se questi due motivi, barriera iniziale e
> convenienza, cessano di esistere
> > avviene il passaggio.
> > 
> >   Io ho usato $$ ma quella variabile può essere
> anche un quantità non
> > necessariamente esprimibile in moneta. Ad esempio
> $$ = "quanto mi diverto a
> > programmare su W o su Z", oppure può essere $$ =
> "tempo", oppure $$ =
> > "competenze tecniche".
> >   Ho usato una variabile perchè ognuno ci possa
> mettere quello che ritiene
> > abbia valore nel suo caso. In molti casi sono più
> valori a competere fra
> > loro in quell'equazione.
> > 
> >   Una killer application (apache) è tale per cui:
> usare il prodotto A è
> > migliora talmente la situazione (guadagno) che
> cambiare sistema operativo
> > (eventuale perdita) rimane comunque un vantaggio.
> >   L'AutoCad per qualcuno è una killer application,
> per altri MS-Office è una
> > killer application. Per me è il GCC la killer
> application.
> > 
> >   Quando RMS si scaglia contro il porting, ad
> esempio di OO/Firefox su
> > piattaforme Windows, lo fa perchè il porting
> elimina il vantaggio di
> > GNU/Linux rispetto a potenziali killer
> application. Ovviamente a chi
> > sviluppa questi software non importa un fico di
> essere killer application
> > rispetto a Windows/Linux ma piuttosto essere
> un'alternativa ad alta
> > penetrazione rispetto al prodotto concorrente.
> > 
> >   E la filosofia? La filosofia può essere uno di
> quei valori da sostituire a
> 
=== message truncated ===


Andrea De Gaetano 
http://www.phoenixlab.net


                
___________________________________ 
Yahoo! Messenger: chiamate gratuite in tutto il mondo 
http://it.messenger.yahoo.com
========---------- 
 
 Archivio delle e-mail postate in lista 
 http://www.freelists.org/archives/lugge/ 
 
 Prima di scrivere in m-list per favore leggi il regolamento 
 http://www.lugge.net/index.php?mod=cosa_facciamo/gruppo_di_discussione
  
 Modifica dell'account sulla lista LUGGe 
 http://www.lugge.net/index.php?mod=cosa_facciamo/gruppo_di_discussione#list

 
  

Other related posts: