[camera oscura] Re: Potere di compensazione

  • From: Romano Sansone <observer3@xxxxxxxxxx>
  • To: camera_oscura@xxxxxxxxxxxxx
  • Date: Sat, 11 Feb 2006 21:00:52 +0100


On Feb 11, 2006, at 5:18 PM, Romano Sansone wrote:


On Feb 11, 2006, at 3:23 PM, CobLaL wrote:

Sempre io.
Sono stato punto nell'orgoglio :-) da Romano a proposito del'argomento "capacità di compensazione dei rivelatori".
Ora sono qui per sapere se ho capito: si tratta di quela particolare azione per cui, a parità di tempo di trattamento, un tal rivelatore è in grado di rivelare con maggior anticipo le basse luci rispetto alle alte, riducendo così il contrasto generale del negativo? E ragionando su questo la possibilità di rendere stampabile un'immagine naturalmente contrastata, magari anche sovraesponendo di 1/3 1/2 di stop, quindi sottosviluppando (se necessario)?


Fatemi sapere quanto ho preso.

8 +

Ci ritorno sopra, ora ho da fare

Arieccomi. Hai capito perfettamente l'argomento. Aggiungi che qualunque rivelatore ha una capacità di compensazione se usato ad alta diluizione, perché tra un'agitazione e l'altra il materiale attivo viene consumato più rapidamente nelle luci che nelle ombre, dove può continuare ad esercitare la sua funzione di sviluppo, mentre nelle luci questa funzione è rallentata. Per alte diluizioni intendo le massime raccomandate dai fabbricanti, si può diluire di più ma i tempi di sviluppo diventano molto lunghi e bisogna determinarli sperimentalmente. L'effetto di compensazione può essere ulteriormente aumentato prolungando l'intervallo di tempo tra due agitazioni successive, ma anche qui occorre del lavoro preliminare per evitare di sottosviluppare eccessivamente le luci.


Romano

Other related posts: