[AssembleaMatematica] R: Re: R: Assemblea 2011

  • From: "ale&emi" <alemil@xxxxxxxx>
  • To: <assembleamatematica@xxxxxxxxxxxxx>
  • Date: Mon, 10 Jan 2011 13:51:55 +0100

Ciao a tutti,

chi di voi è registrato alla mailing list dell?Assemblea di Scienze avrà
ricevuto nelle ultime ore le mail con le varie proposte di assemblea e
simili. L?ultima mail, inviata da Filippo (Fisica, rappresentante) propone
un collettivo a Fisica in data da decidersi (ho riportato il testo della
mail al termine di questa). Poiché sulla posizione di Filippo, che di fatto
allontana l?assemblea di scienze a Fisica almeno di due settimane,
convergeranno credo molti fisici e esaminandi in generale, credo non rimanga
che un? opzione: organizziamo l?assemblea di scienze a Matematica.

L?aula Magna o la A saranno sufficienti, poiché molti esterni non verranno
causa esami. Facciamo l?assemblea, comunicandolo a tutta scienze,  poi chi
vorrà andrà al collettivo proposto da Fil per presentare le proposte
discusse.

 

Quanto ai tempi, siccome non possiamo fare un?assemblea per decidere quando
fare un?assemblea (questa fase per fortuna è superata), chiedo ai
rappresentanti di prenotare l?aula, e scegliere essi stessi (per tutti, ci
fidiamo) giorno e ora in base alla disponibilità delle aule.

 

Ho già detto perché secondo me il giovedì è un buon giorno. Se non si riesce
o non va bene, qualsiasi altro gg è ok. 

Fateci sapere, e una volta organizzato tutto scriviamolo ai ragazzi di
scienze. 

A presto,

Emiliano.

 

 

 

 

 

 

 

 

----------------------------------------------------------------------------
------

 

Ciao tutti ragazzi,

buon anno !

Credo abbiano ragione sia Emiliano sia Lorenzo: dobbiamo riattivarci
ma al contempo molti di noi hanno altre gatte da pelare.

Propongo di non convocare un`Assemblea bensi` un Collettivo.
Qual e` la differenza, direte voi ?
(Scrivo queste righe per chi avesse vissuto soltanto la stagione delle
assemblee e si fosse perso quella dei collettivi.)

La piu` evidente e misera sta nei numeri: se si convoca un collettivo
e si e` in 15 e` un`ottima cosa, un `assemblea di 15 persone ci
deprime;
ma capisco che questo argomento possa non soddisfare i piu` esigenti.
Il collettivo dovrebbe, forse, essere la dimensione "quotidiana"
dell`impegno (dove quotidiana si traduce, ovviamente :-), in
settimanale );
al collettivo si manda avanti la baracca, si inizia a capire che aria
tira e al collettivo partecipa, solitamente chi vive giornate da 24
ore ma e` fermamente convinto di poterne a strappare ancora un paio.


In sintesi, siamo in pochi ma almeno facciamo qualcosa senza farci
problemi di leggitimita'.
Si puo` fare quando si vuole in Aula E.

Abbracci, solo ai brutti :-)

Fil

Other related posts: