[Linuxtrent] Re: Gestione progetto sw

On 06/12/2012 19:52, Marco Ciampa wrote:
> On Thu, Dec 06, 2012 at 04:22:48PM +0100, Daniele Nicolodi wrote:
>> On 06/12/2012 15:40, Marco Ciampa wrote:
>>> On Thu, Dec 06, 2012 at 03:12:57PM +0100, Daniele Nicolodi wrote:
>>>> On 06/12/2012 15:05, Michele Bert wrote:
>>>>> Il 06 dicembre 2012 14:49, Daniele Nicolodi <daniele@xxxxxxxxxx> ha 
>>>>> scritto:
>>>>>>> Se poi vuoi un po' spingerti oltre consigliatissimo è Git (per le distro
>>>>>>> **ix è molto comodo). Puoi inoltre sfruttare dropbox per farti da
>>>>>>> repository condiviso e poi fare push-pull dalla tua copia locale.
>>>>>>
>>>>>> A meno che la situazione non sia cambiata recentemente, il supporto di
>>>>>> git su piattaforme non unix like è abbastanza un disastro. Inoltre,
>>>>>> trovo l'interfaccia utente di git decisamente poco intuitiva.
>>>>>
>>>>> Secondo me non è l'interfaccia ad essere poco intuitiva in termini
>>>>> assoluti, è solo concettualmente diversa da altri sistemi di
>>>>> versionamento, a cui la maggioranza sono abituati (mentre lo scrivo
>>>>> sto pensando che forse è la stessa cosa: poco intuitivo = diverso da
>>>>> quel che ci si aspetta).
>>>>
>>>> Mercurial e Darcs sono basati sugli stessi concetti su cui è basato Git
>>>
>>> Questo non è vero.
>>
>> Puoi elaborare per favore?
> 
> In git gli stati sono "snapshot", non so con Mercurial ma darcs
> (e la sua teoria delle patch) come svn, i passaggi sono basati su
> differenze tra l'uno e l'altro. In git le differenze vengono usate sono
> come sistema di ottimizzazione interno dello spazio ma ogni stato è un
> "congelamento" di una situazione nel tempo indipendente dagli altri.

Mercurial si basa sullo stesso principio di Git.

> Se l'interfaccia ha qualche differenza, il "motore" è basato su
> concetti completamente differenti.

Vero. Ma, nel contesto del commento al quale rispondevo

On 06/12/2012 15:05, Michele Bert wrote:
> Secondo me non è l'interfaccia ad essere poco intuitiva in termini
> assoluti, è solo concettualmente diversa da altri sistemi di
> versionamento, a cui la maggioranza sono abituati

quello che intendevo dire è che i sistemi di controllo di revisione
distribuiti si basano su pochi concetti (repository composti da insieme
di patch-set/commit-objects/changesets, scambio di changeset, etc...).
Il fatto che questi siano implementati in modo diverso non influisce su
quanto è facile o difficile utilizzarli.

Ciao,
Daniele

-- 
Per iscriversi  (o disiscriversi), basta spedire un  messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request@xxxxxxxxxxxxx


Other related posts: